FP CGIL Roma e Lazio - via Buonarroti, 12 - 00185 - Roma   Telefono +39.06.468431   FAX +39.06.4684360   Email fp@lazio.cgil.it    Email supporto tecnico sito

Banner trasferimento nuovo sito

Accedi alla webmail




News

6° congresso Fp Cgil di Roma e Lazio: 25 e 26 ottobre al Centro Congressi Frentanimercoledý 24 ottobre 2018

6░ congresso Fp Cgil di Roma e Lazio: 25 e 26 ottobre al Centro Congressi Frentani

Si terrà il 25 e 26 ottobre a Roma (Centro Congressi Frentani, via dei Frentani 4) il 6° Congresso regionale della Fp Cgil di Roma e Lazio.

I lavori inizieranno alle 10.00 con la relazione introduttiva. Parteciperanno rappresentanti istituzionali della Regione Lazio, di Roma Capitale, delle aziende partecipate, delle più grandi Aziende ospedaliere e Asl del territorio e delle associazioni datoriali.

Il primo giorno, alle 14.30, si terrà la tavola rotonda "Innovare, assumere, formare - Il futuro del lavoro pubblico e dei servizi ai cittadini", nell'ambito del quale sarà presentato lo studio realizzato dalla federazione pubblica regionale sui dipendenti dei Comparti Pubblici, che, partendo dai dati rilevati nel Conto economico della Ragioneria dello Stato per il periodo 2001-2016, analizza il quadro attuale dell'occupazione nel pubblico impiego e elabora proiezioni sul prossimo futuro. 

Un quadro allarmante: nei comparti dell’area Aran (ministeri, presidenza consiglio, agenzie fiscali, enti pubblici non economici, regioni e autonomie locali, servizio sanitario) in quindici anni  si è perso il 16,8%  dei dipendenti su scala nazionale e nel Lazio – dove si concentra l’11,6%  del lavoro pubblico – oltre il 18%. Le riduzioni più gravi nel Lazio si registrano nel comparto Ministeri (25,6% rispetto al 23.3%) e nella Sanità (10,2% rispetto al 5,8%).

Cresce l’età media e si riduce il rapporto tra dipendenti e cittadini , comportando - soprattutto in ambito sanitario e dei servizi alla persona - un livello non sufficiente a garantire regolarità e qualità dei servizi, senza contare che l’età media avanzata di una vasta platea di lavoratori comporta una maggiore esposizione a malattie professionali. Nell’ipotesi di riforma delle pensioni con “quota 100”, il quadro risulterebbe ulteriormente aggravato. Circa 500 mila dipendenti in Italia, 65 mila nel Lazio, nel 2019 avranno infatti tra 58 e 67 anni: nel triennio 2019-2021 saranno sessantenni o ultrasessantenni e molti di questi potranno presumibilmente accedere al pensionamento utilizzando la quota 100 a 62 anni. Un'emorragia solo in parte compensata dai pur difficili processi di stabilizzazione e dai pochi concorsi banditi.

Il sistema pubblico è in sofferenza e può rinascere solo attraverso un piano straordinario di assunzioni su scala nazionale, entro il quale si inseriscono le grandi vertenze aperte nel Lazio per assumere e stabilizzare lavoratrici e lavoratori in tante parti essenziali del sistema pubblico, dalla Sanità a Roma Capitale, dal Mibac all’Inps, passando per la mobilitazione – ora a un punto critico - per salvare il futuro pubblico di Ama. 

Interverranno la Segretaria Generale della Funzione Pubblica Fp Cgil Nazionale Serena Sorrentino e il Segretario Generale della Cgil di Roma e Lazio Michele Azzola.

 



Condividi
Facebook Twitter del.icio.us digg oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks