FP CGIL Roma e Lazio - via Buonarroti, 12 - 00185 - Roma   Telefono +39.06.468431   FAX +39.06.4684360   Email fp@lazio.cgil.it    Email supporto tecnico sito

18° Congresso

News

venerdì 29 giugno 2018

Ama - Premio di Risultato 2018: un altro passo in avanti che getta le basi per il futuro.

Mentre si aspettano risposte da Roma Capitale sulla vertenza generale per mantenere gli accordi su assunzioni ed esternalizzazioni, ieri si è fatto un buon accordo in azienda.

L’intesa raggiunta rappresenta un altro punto di avanzamento, dopo i miglioramenti già ottenuti con il premio 2017. Averla sottoscritta prima del 30 giungo permette inoltre di ottenere i vantaggi fiscali previsti dalle norme per i premi di produttività.

Questi, in sintesi, i punti qualificanti dell’accordo.

  • Criteri
    - Aumenta il peso dell’operatività rispetto alla presenza, il che garantisce a lavori più gravosi un giusto riconoscimento;

    - Si fa un ulteriore passo avanti nella tutela di chi subisce infortuni sul lavoro, mantenendo tutte le conquiste ottenute nel 2017.

  • Investimento economico
    - Il Pdr del 2016 valeva appena 1,5 milioni di euro (il solo CRA già previsto dal Contratto Nazionale di settore). Con il premio 2017 si è fatto un salto di qualità (in fondo all’accordo trovate le fasce e il numero dei lavoratori che sono stati inseriti nelle stesse, in alcuni casi – i cosiddetti “top performer” - con somme che superano i mille euro) arrivando a un investimento di poco inferiore ai 4,5 milioni;

    - Il Pdr 2018 varrà quasi 0,5 milioni di euro in più per quanto riguarda la fascia alta;

    - Si mette a disposizione fino a 1 milione di euro, da erogare entro l’anno, per iniziare a superare i problemi odierni del lavoro domenicale baricentrato e riconoscere il disagio alle mansioni più esposte. L’utilizzo di questa somma verrà stabilito con apposito accordo;

    - L’investimento totale nella valorizzazione del personale raggiunge così quasi 6 milioni di euro per il 2018 e si prevede già di aumentare questo impegno nel 2019. Rispetto alle cifre simboliche del 2016 ci avviciniamo a un premio che riconosca davvero gli sforzi di chi lavora e dia strumenti per iniziare ad affrontare i problemi del passato rimasti aperti, a partire da alcune differenziazioni nel trattamento di cui dovremo occuparci con la contrattazione su domenicale e disagio.

  • Welfare
    Chi opterà per il welfare aziendale avrà un surplus del 30% sulla somma del premio.

  • Contratto aziendale triennale
    Il prossimo Pdr avrà durata triennale (2019-2021) e l’intento delle parti, già individuato nell’accordo, è quello di sottoscrivere un vero e proprio contratto aziendale.



Condividi
Facebook Twitter del.icio.us digg oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks