FP CGIL Roma e Lazio - via Buonarroti, 12 - 00185 - Roma   Telefono +39.06.468431   FAX +39.06.4684360   Email fp@lazio.cgil.it    Email supporto tecnico sito

News

Ama: indetto stato di agitazione, risposte su assunzioni e condizioni di lavoro o scioperolunedì 11 giugno 2018

Ama: indetto stato di agitazione, risposte su assunzioni e condizioni di lavoro o sciopero

“Le condizioni di lavoro per strada e negli impianti peggiorano, l’azienda continua ad assumere decisioni unilaterali e in alcuni casi contrarie agli impegni assunti, i progetti sull’implementazione della differenziata non prevedono risorse aggiuntive ma sono portati avanti tappando i buchi e creandone di nuovi in altre zone. La situazione è diventata insostenibile. In Ama si susseguono tavoli di trattativa in cui il management non dà risposte, rimandando la risoluzione dei problemi. L’amministrazione Raggi non ha nemmeno tenuto fede agli impegni presi sulle delibere 52 e 58 del 2015, per scongiurare la privatizzazione di altri pezzi di servizio pubblico e permettere di sostituire con nuove assunzioni almeno il personale collocato a riposo”. Con una nota le segreterie di Fp Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Fiadel comunicano l’avvio delle procedure per lo stato di agitazione, che precedono la proclamazione dello sciopero.
 
“Questa volta – dichiarano le organizzazioni sindacali - non ci fermeremo di fronte alle promesse. Abbiamo già testato la buona fede ed evidentemente la responsabilità ce l’hanno messa solo i lavoratori e i loro sindacati. Senza le modifiche a quelle delibere, modifiche previste da un accordo, i progetti per la differenziata nei municipi diventano uno spot, una presa in giro per i cittadini e i lavoratori. E mentre si tengono le conferenze stampa gli operai continuano a lavorare in condizioni vergognose, con la raccolta manuale per strada e con gli impianti stracolmi di rifiuti”.
 
“Senza la concretizzazione degli impegni presi e senza un confronto reale sui problemi che elenchiamo da mesi – concludono Fp Cgil, Fit Cisl, UilTrasporti, Fiadel – lo sciopero sarà solo l’inizio di una mobilitazione lunga e rivolta ai cittadini, per spiegare fino in fondo le ragioni di difficoltà e crisi annunciate”.


Condividi
Facebook Twitter del.icio.us digg oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks