FP CGIL Roma e Lazio - via Buonarroti, 12 - 00185 - Roma   Telefono +39.06.468431   FAX +39.06.4684360   Email fp@lazio.cgil.it    Email supporto tecnico sito

Banner trasferimento nuovo sito

Accedi alla webmail




News

Rsu, lavoro pubblico: soddisfatti per il risultato, il sindacato confederale mantiene la sua forza.venerd́ 20 aprile 2018

Rsu, lavoro pubblico: soddisfatti per il risultato, il sindacato confederale mantiene la sua forza.

Mentre si continuano a raccogliere i dati è già possibile affermare che nelle elezioni delle Rsu nel lavoro pubblico del Lazio la Fp Cgil ha mantenuto la sua forza e segnato dei punti importanti di avanzamento. In un contesto di grande affluenza al voto da parte dei lavoratori e di tenuta del sindacato confederale, la nostra organizzazione si conferma sicuramente secondo sindacato, con un distacco percentuale contenuto.

Cresciamo in tutti i grandi enti locali, da Roma Capitale alla Regione Lazio passando per le province e la Città Metropolitana di Roma, dove la nostra organizzazione aumenta i consensi nonostante un primato già importante. Rilevante il dato della Sanità, con la Cgil che torna a essere il primo sindacato della Capitale e di tutta l’area metropolitana, secondo nella Regione e in crescita. Risultati positivi anche nelle Funzioni Centrali e in luoghi strategici come il Colosseo, in un quadro di riaffermazione della nostra rappresentatività.

Analizzeremo il voto a dati completi, ma non possiamo che dirci soddisfatti per la grande prova di democrazia e per il consenso ottenuto dalla nostra organizzazione.

Leggi anche: "La Fp Cgil Nazionale si conferma primo sindacato tra i lavoratori pubblici".

----

Tutti i programmi nazionali, settore per settore.

L'appello al voto di Susanna Camusso.

Per maggiori informazioni consulta il sito https://www.elezionirsu.it.

I programmi di posto di lavoro:

Agenzia delle Entrate

Ares 118

Asl Rieti

Asl Roma 1

Asl Roma 3

Asl Roma 6

Città Metropolitana di Roma Capitale
   Programma sintetico
   Programma integrale con llista

Corte dei Conti

Dap

Inail

Inps - Direzione Generale

 
 
Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo
 
 

Ministero dell'Economia e dele Finanze
  Ragioneria Territoriale dello Stato

Ministero della Salute

Ospedale San Camillo

Ospedale San Giovanni Addolorata

Parco Archeologico dell'Appia Antica

Policlinico Umberto I°

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Regione Lazio

Roma Capitale
   Municipi
      Servizi sociali
   Settore educatico scolastico
   Polizia Locale
   Settori Tecnici
____

Che cosa è la RSU? (guarda il video)

RSU vuol dire Rappresentanza Sindacale Unitaria. È un organismo sindacale, presente nei luoghi di lavoro, che rappresenta le lavoratrici e i lavoratori. E’ costituito da non meno di tre persone elette da tutti i lavoratori iscritti e non iscritti al sindacato.

Per quanto riguarda il lavoro pubblico, la normativa fondamentale di riferimento è l’Accordo Collettivo Quadro per la costituzione delle Rappresentanze Sindacali Unitarie per il personale dei comparti delle Pubbliche Amministrazioni e per la definizione del relativo Regolamento Elettorale del 7 agosto 1998.

Come si forma?

La RSU si forma con le elezioni. Le procedure sono regolate principalmente dall’Accordo Quadro e prevedono la partecipazione al voto di almeno il 50% +1 degli elettori in ogni singolo ente. In caso contrario la RSU non si costituisce e occorre indire nuove elezioni. È questo il primo passo della sua legittimazione.

I componenti delle RSU sono eletti su liste del sindacato ma possono anche non essere iscritti a quel sindacato, in ogni caso gli eletti rappresentano i lavoratori, non il sindacato nella cui lista sono stati eletti.

Quale ruolo svolge?

I poteri e le competenze contrattuali nei luoghi di lavoro vengono esercitati dalle RSU e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del relativo CCNL (contratto collettivo nazionale di lavoro) di comparto.

La RSU non è un sindacalista, bensì un lavoratore che rappresenta le esigenze dei lavoratori e ne tutela i diritti.

Come?

Controllando l’applicazione del contratto o attraverso le vertenze. Se è in grado, la RSU può anche farsi carico di una prima tutela, cercando di risolvere il contrasto del lavoratore con il datore di lavoro, per poi passare eventualmente la tutela al sindacato e ai legali.

Ma la forza della RSU non deriva solamente dal potere assegnato dal contratto e dalle leggi ma anche dalla capacità di creare consenso intorno alle sue proposte e azioni e un’ampia condivisione degli obiettivi.

La RSU funziona come unico organismo che decide a maggioranza la linea di condotta e se firmare un accordo.

Quanto dura la carica?

La RSU svolge il suo ruolo a tempo determinato. Infatti, rimane in carica tre anni, alla scadenza dei quali decade automaticamente e si devono fare nuove elezioni.

Sono inoltre previsti, art. 7 dell’Accordo Quadro già citato, i casi di dimissioni degli eletti, la loro sostituzione e l’eventuale decadenza prima del termine.

Le RSU sono tutelate?

Svolgendo un ruolo esposto, il delegato RSU ha una tutela rafforzata rispetto a quella data ad ogni lavoratore (art. 1-15 dello Statuto dei Lavoratori).

Quali sono i diritti sindacali delle RSU?

I componenti della RSU sono titolari di diritti sindacali previsti da leggi, accordi quadro e contratti. I diritti, quali l’uso della bacheca, la convocazione di un’assemblea e l’uso di permessi retribuiti, spettano alla RSU nel suo insieme e non ai singoli componenti.


 



Condividi
Facebook Twitter del.icio.us digg oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks